Ogni piatto, una storia

Il cous cous di pesce, le busiate al pesto trapanese, le sarde allo spiedo, il pane cunzato, la cassatella. Qui il cibo non è fatto per essere mangiato, ma per essere goduto. Anche la tavola, nella Sicilia Occidentale, è il frutto di tutti i popoli che si sono succeduti su queste terre, il risultato di secoli di contaminazioni e convivenza di tante civiltà. Anche mangiare, qui diventa un atto sacro.

Il grano, che circonda gli antichi bagli, le fattorie tipiche della zona, qui non è solo un ingrediente fondamentale, ma è anche lo “strumento” principale per realizzare le regine della cucina locale: le busiate. Queste listarelle morbide che si attorcigliano attorno al “buso”, lo stelo proveniente dal grano, si adattano a innumerevoli ricette con salse realizzate con i prodotti della zona. Una pasta poco conosciuta fuori dall’isola, ma che vi stupirà.

Specialità:
– Busiate

Per ulteriori informazioni visita: www.comunebusetopalizzolo.gov.it



Come capirete appena sbarcati nella Sicilia Occidentale, il cibo è protagonista di qualunque lembo di questa terra. Anche nell’arcipelago delle Egadi, dove si viene per lo splendore delle acque cristalline, non si può non rimanere affascinati dal sapore dei piatti tipici. Se poi un ottimo piatto di spaghetti con bottarga di tonno, per esempio, ve lo mangiate davanti a un mare come questo, beh, la perfezione dev’essere qualcosa di molto simile.

Specialità:
– Le frascatole
– Il Cous Cous di pesce
– Pasta con l’aragosta in brodo
– Spaghetti con bottarga di Tonno
– Prodotti di Tonnara

Per ulteriori informazioni visita: www.ampisoleegadi.it



A Mazara ci vive un re, più precisamente un re dei mari. Nel porto canale, alla foce del Mazaro, il fiume che attraversa il centro cittadino, dalla flotta di pescherecci che attraccano ogni giorno, sbarca Sua Maestà il gambero rosso. Una prelibatezza rinomata in tutto il mondo che da sola varrebbe una visita a Mazara.

Specialità:
– Gambero rosso
– Cous cous di pesce

Per ulteriori informazioni visita: www.mazaravalley.info/it



Non si vive di solo mare. E a San Vito lo Capo, oltre alle spiagge incantevoli, si deve andare per mangiare il piatto che lo ha reso famoso in tutto il mondo: il cous cous di pesce. Una pietanza talmente importante che si è meritata un festival, il Cous Cous Fest. Il pesce è il protagonista indiscusso dell’economia locale, da sempre, come testimonia anche l’antica tonnara del Secco, magnifica architettura che specchia la sua bellezza direttamente nel mare di fronte.

Specialità:
– Cous Cous di pesce

Per ulteriori informazioni visita: www.ilovesanvitolocapo.it



Indovinate qual è l’alimento principale della cucina tipica di una città di mare? Bravi, il pesce. A Trapani, le ricette di pesce non si contano, da quelle assimilate dal mondo arabo, come il cous cous preparato col brodo di pesce, a quelle a base di tonno, del quale non si butta nulla. Però, nella ricetta più celebre di Trapani il pesce non c’è. Si tratta del famoso pesto trapanese, a base di pomodori e mandorle, un piatto che sa d’estate e di Sud.

Specialità:
– Pesto alla trapanese
– Cous Cous di pesce
– Pesce “a ghiotta” zuppa

Per ulteriori informazioni visita: www.iovadoatrapani.it



Cittadina che dà il nome all’intero golfo che, a sua volta, prende il nome dal suo possente castello arabo normanno, vera e propria roccaforte che domina la costa e attorno al quale si sviluppò il borgo. Qui, oltre ovviamente al pesce, c’è una specialità imperdibile, che potete assaggiare a Scopello, una frazione di Castellammare: il pane “cunzato”. Si tratta semplicemente di pane, pomodori, primosale e acciughe, ma chi lo assaggia, lo riassaggia e poi di nuovo e di nuovo ancora.

Specialità:
– Pane cunzato
– Cassatelle di ricotta



È una delle isole più celebri della Sicilia, scelta da tante celebrità per il suo fascino e per il paesaggio unico scandito dai dammusi, tipiche costruzioni quadrangolari di origine araba sormontate da una cupola che negli ultimi anni sono state oggetto di restauri e rivisitazioni contemporanee. La sua insularità è stata “domata” nei secoli per ottenere prodotti dalle sue terre, dai “iardini”, muri circolari in pietra che proteggono dal vento alberi di agrumi, ai tipici terrazzamenti che hanno reso Pantelleria un’isola a vocazione agricola, nota anche per la sua celebre coltivazione, quella del cappero, ingrediente tipico di piatti panteschi e siciliani.

Specialità:
– Capperi di Pantelleria
– Insalata Pantesca



Mappa

Prima notte gratis.
L’ospitalità da noi è sacra.

Registrati e prenota subito il coupon che potrai utilizzare per una notte gratuita durante la tua vacanza in Sicilia Occidentale.